Vuoi farcela nell’industria musicale? Faresti meglio a diventare virale su TikTok

Tech News


Domenica, la popolare cantautrice americana Halsey ha condiviso un video su TikTok con musica metallica in sottofondo, il testo sullo schermo che legge:

Fondamentalmente ho una canzone che amo che voglio pubblicare il prima possibile ma la mia etichetta discografica non me lo permette. Lavoro in questo settore da 8 anni e ho venduto oltre 165 milioni di dischi. E la mia casa discografica dice che non posso pubblicarlo a meno che non possano fingere un momento virale su TikTok. Tutto è marketing. E lo stanno facendo praticamente a tutti gli artisti in questi giorni. Voglio solo pubblicare musica, amico. E mi merito di meglio. Sono stanco.

Il video di 30 secondi ha fatto ciò che voleva l’etichetta di Halsey, anche se probabilmente non come volevano. Ha ottenuto oltre 8 milioni di visualizzazioni in 24 ore e ha suscitato un enorme interesse tra i fan, gli utenti di TikTok e gli osservatori del settore.



I commenti sul video sono stati divisi tra coloro che hanno espresso sostegno per la difficile situazione e l’indignazione di Halsey nei confronti dell’etichetta discografica e coloro che hanno visto il post come l’effettivo schema di marketing che l’etichetta ha sempre voluto.

In un secondo video condiviso due ore dopo, Halsey ha respinto le accuse di falso indignazione con una registrazione di qualcuno che parla fuori dallo schermo, apparentemente un rappresentante dell’etichetta, spiegando come la campagna virale di TikTok avrebbe dovuto svolgersi affinché la canzone fosse programmata per l’uscita.

Durante tutta la spiegazione, Halsey fissa sconfortata nel mezzo della distanza prima di dire finalmente “Lo odio. Fa solo schifo”.



Che siano stati messi in scena o meno, il fatto che questi due video siano diventati virali così rapidamente mostra che le persone sono disposte a credere che un artista importante sarebbe così frustrato dal fatto che la loro etichetta li costringesse a “fare TikTok” che hanno deciso di esporre la loro etichetta su TikTok.

Come MTV o le prime 40 stazioni radio di successo, TikTok è il luogo in cui vive la musica popolare in questo momento. Le etichette lo capiscono.

Per loro, il fascino di TikTok è che i contenuti musicali possono diventare virali rapidamente, offrendo il potenziale per risparmiare milioni su altri tipi di campagne di marketing.

Una relazione inquieta

Halsey non è il primo artista di alto profilo a sfogarsi su TikTok.

Nel suo primo video pubblicato il mese scorso, il cantautore americano Gavin DeGraw condiviso una versione parodia del suo successo del 2003, cantando “Non voglio essere su TikTok ma la mia etichetta mi ha detto che devo”.



Proprio la scorsa settimana, la cantautrice inglese FKA Twigs ha sostenuto la sua etichetta non le stava solo facendo creare e pubblicare video su TikTok, ma voleva che pubblicasse video più volte al giorno.

In alcuni casi agli artisti sembra piacere essere su TikTok.

Lizzo condivide regolarmente meme, vlog e video di ricette su TikTok e fortemente promosso la sua versione più recente It’s About Damn Time. Ha anche partecipato a una sfida di ballo per la canzone coreografata da un altro creatore di TikTok.



Diventare virale su TikTok può essere un’arma a doppio taglio per gli artisti musicali. Può catapultarli a una visibilità senza precedenti nei mercati di tutto il mondo, ma il contenuto che li rende famosi potrebbe essere il video, non la musica.

Nel 2019 la cantante australiana Inoxia è andata “accidentalmente virale” quando un passante ha registrato la sua esibizione per strada e l’ha caricato su TikTok. Alla sensazione di artista di strada trasformata in TikTok sono state offerte offerte che sembravano troppo belle per essere vere e il suo manager le ha detto che avrebbe dovuto diventare più una creatrice di contenuti per mantenere il suo successo.

La sua passione era cantare, non fare video da pubblicare sui social. Alla fine, è tornata a suonare per strada.

Tutta la pubblicità è buona pubblicità?

Halsey si autodefinisce “TikTok capriccio” mette alla prova la teoria della pubblicità shock secondo cui qualsiasi pubblicità è una buona pubblicità per i marchi.

Il potere delle stelle è un efficace strumento di contrattazione per creare il cambiamento per gli artisti che lo comandano.

Per gli artisti indipendenti senza la stessa leva, un video di sfogo virale potrebbe essere proprio la cosa di cui hanno bisogno per abbandonare la loro etichetta e condividere la loro musica da soli, a condizione che non siano bloccati in quel tipo di contratto discografico esclusivo che è diventato uno standard nell’industria musicale negli ultimi dieci anni.

Falso o genuino, il video di Halsey mostra che i fan e gli artisti sono disposti a conversare su come le etichette esercitano un’influenza sugli artisti quando si tratta di marketing, la natura degli obblighi che gli artisti devono contrattualmente alle loro etichette e il potere che gli artisti esercitano per respingere le etichette se sentono di essere trattati ingiustamente.

Gli sproloqui virali su TikTok non diventeranno la nuova normalità per la vendita di canzoni, proprio come i video non hanno mai ucciso la star della radio. I dirigenti dell’etichetta che osservano questo svolgersi sono probabilmente più nervosi per i propri artisti che trasmettono pubblicamente lamentele online di quanto non siano entusiasti di una nuova tendenza nel marketing musicale virale.

Indipendentemente da ciò, finché il pubblico continuerà a scoprire nuova musica su TikTok, le etichette continueranno a cercare nuovi modi per promuovere la loro musica in cima al feed.

Il lavoro principale dell’artista – fare musica – rimane lo stesso. Solo ora il video deve diventare virale. La conversazione

Questo articolo di D. Bondy Valdovinos KayeDocente, Università di tecnologia del Queenslandviene ripubblicato da La conversazione con licenza Creative Commons. Leggi il articolo originale.



Sharing is caring!

Facebook Comments

Leave a Reply